Home Cronaca Pestato a sangue dal «branco», in quattro condannati e tre gli assolti

Pestato a sangue dal «branco», in quattro condannati e tre gli assolti

602 views
0

Caltanissetta – Lo hanno massacrato di botte per aver tentato di difendere il cognato che aveva avuto un diverbio con uno di

loro. E lo avrebbero pure investito con l’auto, per bloccarlo e poi pestarlo a sangue facendolo finire in ospedale, a Palermo.

Per questo assalto del “branco”, in quattro sono stati riconosciuti colpevoli dal giudice Giuseppina Chianetta, altri tre no.

La condanna a 2 anni e 4 mesi ciascuno è piovuta sul capo del trentaduenne Loris Cristian Leonardi, del trentaquattrenne Michael Stephen Castorina e di Giuseppe e Orazio Bellia, zio e nipote di cinquantottenne il primo, ventinovenne l’altro.

In più dovranno pagare una provvisionale di duemila euro e dovranno risarcire anche la parte civile, il trentottenne di origine romena, Florin Guriuc ma che vive da tantissimo tempo a Riesi. L’entità dell’indennizzo verrà stabilita in un successivo processo di natura civile.

Assolti, di contro ,  il cinquantaseienne Mario Cateno Leonardi e il trentunenne Cristian Ivan Leonardi, padre e figlio di 56 e 31 anni e il trentunenne Antony Castorina.

Lesioni aggravate dai futili motivi e il solo Giuseppe Bellia anche il porto di armi od oggetti atti ad offendere, le contestazioni mosse a carico dei sette – assistiti dagli avvocati Carmelo Terranova, Giada Faraci, Giovanni Sanfilippo e Calogero Buscarino – e per quali l’accusa aveva le condanne ad eccezione che nei confronti di Antony Castorina per il quale era stata proposta l’assoluzione.

La violenta vicenda risale alla notte tra il 26 e il 27 giugno di otto anni fa. È stato allora che davanti un club il malcapitato sarebbe stato schiaffeggiato per avere tentato di difendere il cognato che aveva avuto una lite con uno del gruppo.

L’aggredito è riuscito in un primo momento a fuggire, ma lo hanno inseguito in auto e investito pur di bloccarlo. E mentre era ancora per terra lo hanno riempito di botte, colpendolo pure alla testa con il manico di una zappa.

Il ferito è stato poi trasferito all’ospedale al «Villa Sofia-Cervello» di Palermo per diversi traumi riportati soprattutto al capo.

https://www.castelloincantato.it/wp-admin/profile.php

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi