Home Cronaca Prima il furto poi la richiesta di soldi per restituire, tre le...

Prima il furto poi la richiesta di soldi per restituire, tre le condanne

584 views
0

Caltanissetta – Il sistema era quello noto come “cavallo di ritorno. Ossia prima il furto e poi la richiesta di soldi per restituire quanto rubato. In questo caso si trattava di ciclomotori. E il giro sarebbe stato non indifferente.

E alla fine per questo sistema facile per fare soldi, in tre – non i soli coinvolti in questa inchiesta – sono stati condannati.

Sono – seguendo un ordine secondo entità della pena, Salvatore Alma con la condanna a tre anni, un anno e nove mesi a Giovanni Di Maggio e otto mesi e Giuseppa Morinello, coinvolti a vario titolo in questa vicenda.

L’indagine della polizia è scattata sull’onda di una catena di furti di ciclomotori nell’area del Gelese, soprattutto nelle zone della movida e sul lungomare.

Lì venivano rubati i ciclomotori e poi i proprietari venivano contatti per proporre loro la restituzione in cambio di quattrini. E la quasi totalità di loro, secondo la tesi investigativa, avrebbe pagato.

A carico dei tre, ma anche degli altri imputati giudicati con riti differenti, gli investigatori hanno raccolto diverse intercettazioni telefoniche.

Poi quella sospetta gang, formata da tutti giovani, è stata smascherata dalla polizia e per tutti è arrivata la condanna. Adesso per altri tre ragazzi.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi