Home Cronaca Raduno di auto storiche a Mussomeli 19 Settembre 2021 (Foto e articolo...

Raduno di auto storiche a Mussomeli 19 Settembre 2021 (Foto e articolo di Giuseppe Canalella)

1.088 views
0

(DI GIUSEPPE CANALELLA) Mussomeli – “Noi affermiamo che la magnificenza del mondo si è arricchita di una bellezza nuova: la bellezza della velocità.”  Con questa famosa frase, lo scrittore Filippo Tommaso Marinetti ci comunica che l’automobile sia da ritenere il simbolo della società moderna proiettata verso un progresso inarrestabile. La giornata del 19 Settembre a Mussomeli è stata contrassegnata dal raduno delle macchine storiche che hanno sfilato per la centrale Via Palermo e si sono fermate in Piazza Umberto per essere ammirate dal pubblico. I partecipanti provenivano soprattutto dalla provincia di Caltanissetta (Montedoro, Serradifalco, Mussomeli e Sutera) e dalla provincia di Agrigento (San Giovanni Gemini, Favara, Naro, Raffadali e Campobello di Licata). Tra le automobili storiche si è distinta una Bianchi s5 del 1933, mentre le altre vetture, agli occhi degli appassionati più meticolosi, sembravano essere più moderne e designate con l’appellativo di “classiche”. Circa un centinaio erano le vetture esposte, tra le quali una bellissima Corvette di colore amaranto messa in vendita al prezzo di 25.000 euro. L’evento ha coinvolto molti appassionati delle due ruote che hanno potuto ammirare macchine belle e rese ancor più affascinanti da accessori di un certo costo e frutto di una passione che accomuna molte persone del nostro paese. L’Italia è, infatti, sede di aziende d’importanza mondiale come la Ferrari, la Fiat, l’Alfa Romeo e, in passato, la Lancia. Il raduno delle macchine storiche ha sancito la fine dell’estate mussomelese che, sebbene condizionata dall’attuale emergenza sanitaria, è stata caratterizzata da un’agenda ricca e non priva di interesse culturale. 

Durante la sfilata di macchine storiche c’è stata la possibilità di realizzare scatti fotografici riprendendo le persone in un preciso contesto di riferimento. Oggi si sente sempre più parlare della cosiddetta street photography, “un genere che vuole riprendere i soggetti in situazioni reali e spontanee in luoghi pubblici al fine di evidenziare aspetti della società nella vita di tutti i giorni” (Rosa Carnevale, in Vivian Maier Vedere la strada, inserto del Corriere della Sera ed. Contrasto pag. 90)

Da sempre ritenuta simbolo della belle époque e divenuta bene di massa, l’automobile ha accompagnato lo stile di vita frenetico proprio della società odierna: si spera che l’umanità possa fare un gran passo avanti verso la costruzione di esemplari meno inquinanti e rispettose dell’ambiente. L’automobile è un concentrato di tecnologie impiegate con lo scopo di agevolare la vita e spostarci per lavoro o svago. Facendo un paragone di carattere filosofico, mi piace pensare che lo scrigno “tecnologico” di una macchina possa ricordare la complessa costruzione del pianeta in cui viviamo: il filosofo Platone ha detto che la terra sia opera di un essere superiore, chiamato “demiurgo”, che l’avrebbe creata per il bene dell’umanità. Nel modo in cui un demiurgo avrebbe plasmato il mondo intero, così l’uomo è stato capace di portare a compimento un’opera di eccelsa qualità come l’automobile. 

LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 4.1 / 5. Vote count: 10

Vota per primo questo articolo

Condividi