Home Cronaca Rotary Mussomeli dona tablet alla scuola per gli studenti meno abbienti

Rotary Mussomeli dona tablet alla scuola per gli studenti meno abbienti

592 views
0

Mussomeli –Il Rotary club service di Mussomeli partner di USAID, l’Agenzia Governativa Americana che opera nel settore umanitario, per la donazione di tre tablet destinati agli Istituti Paolo Emiliani Giudici e Leonardo Da Vinci, di Mussomeli. Una storia o -per meglio dire- la sua continuazione che vede tanti attori sulla scena… il Rotary, club notoriamente impegnato in attività di servizio sociale, l’Agenzia americana che ha curato un progetto nell’ambito della lotta alla pandemia da Covid19, la Scuola che ha individuato al suo interno i destinatari del progetto e soprattutto loro… le famiglie più disagiate che oggi più che mai rischiano di pagare l’elevato prezzo dell’esclusione sociale e della mancata istruzione qualora la carenza di mezzi ne fosse responsabile. La cerimonia di consegna si è svolta all’interno dei locali del Paolo Emiliani Giudici, alla presenza della sua dirigente, dott.ssa Alessandra Camerota, del presidente del Rotary club Mussomeli Valle del Platani, Giuseppe Misuraca, del Vice Presidente, dott. Giuseppe Di Carlo e del Tesoriere, Vincenzo Pavone. Il Presidente, noto e stimato imprenditore mussomelese classe 1960, a qualche mese dalla sua elezione, suggellata dal simbolico passaggio della campana, avvenuta il 4 luglio scorso, si è dichiarato “onorato di portare avanti un progetto a favore delle classi meno abbienti, in special modo qualora -come in questo caso- avesse come fruitori bambini e ragazzi di famiglie bisognose. Ricordando -a tal proposito- che l’impegno umanitario è prerogativa principale ed essenziale dell’associazione”. Non a caso nell’assemblea con conviviale di fine anno, al tavolo degli intervenuti sono stati raccolti circa 3mila euro da destinare alle persone colpite dalla recente tragedia a Ravanusa. Cifra che verrà presto tradotta in beni da donare alla comunità. E aggiunge “un particolare ringraziamento, a titolo personale e a nome degli iscritti al club,  a Totò Bruscato, notabile notaio proprio di Ravanusa, che si è distinto nella missione di benefattore non solo nella sua Terra ma anche in quella d’Africa. Facendo costruire diversi pozzi per l’approviggionamento di quel bene indispensabile -e non proprio scontato- che è l’acqua”. Altra causa non meno importante che il club ha sposato è quella attualissima e scottante dell’Ambiente. A tal proposito due i progetti in corso: la salvaguardia delle api (con campagna educativa all’interno delle scuole) che rischiano l’estinzione per via di inquinamento e insetticidi e produrre ossigeno per l’ambiente. In tutto il Distretto sono state adottate 4miliardi e 1/2 di api e prevista la piantumazione di 300 alberi nell’area nissena. Una volta individuata Gela come area più a rischio, si è provveduto alla piantumazione su un’area di 30 ettari già assegnata con delibera comunale. “Nel segno delle comunità” aggiunge Misuraca -Peppuccio per i più- “piantare 34 alberi a Mussomeli” (che sarebbe l’equivalente in termini numerici per i soci in totale) “non avrebbe risolto il problema… regalare un boschetto ad un territorio che paga lo scotto dell’inquinamento invece sì. Ecco perchè, al di là di ogni ragionamento motivato da campanilismo sterile, sto perseguendo la logica della comunità allargata, in un clima di massima condivisione e serenità”. In ultimo, non certo per importanza, la donazione di due holter, uno alla Cittadella della carità, gestita da padre Quattrocchi, a Caltanissetta e l’altro alla Caritas di Delia, supportato da strumentazione elettronica. Nella fattispecie l’ultimo progetto menzionato dal titolo Xenia, coinvolge tutti i club dell’area nissena. Così pure quello della piantumazione in cui tutti i club del nisseno sono stati coesi nella scelta dell’area più a rischio.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3.3 / 5. Vote count: 3

Vota per primo questo articolo

Condividi