Home Cronaca «Sistema Saguto», chiesti quasi sedici anni di carcere per l’ex giudice

«Sistema Saguto», chiesti quasi sedici anni di carcere per l’ex giudice

787 views
0

Caltanissetta – Quindici anni  e dieci mesi di carcere per l’ex presidente del tribunale misure di prevenzioni patrimoniali di Palermo, Silvana Saguto. È accusata di associazione a delinquere, corruzione, falso e abuso d’ufficio

È stata la procura di Caltanissetta a chiederli insieme ad altre proposte di condanna,  attraverso i sostituti della Dda Claudia Pasciuti e Maurizio Bonaccorso e al capo dello stesso ufficio, Amedeo Berrtone.

Più in dettaglio sono stati sollecitati – seguendo un ordine per entità della richiesta di pena – per  l’amministratore giudiziario Gaetano Cappellano Seminara sono stati sollecitati 12 anni e 3 mesi;   11anni e 10 mesi per  il docente universitario di Milena, Carmelo Provenzano;  sono 10  gli anni e 11 i mesi per Roberto Nicola Santangelo, pure lui l’amministratore giudiziario; 9 anni e 10 mesi per il marito della Saguto, il professionista Lorenzo Caramma; 8 anni e 1 mese per il colonnello della Dia Rosolino Nasca;  6 gli anni per  l’ex  prefetto di Palermo, Francesca Cannizzo; 5 anni per la moglie di Provenzano, Maria Ingrao;  4 anni e mezzo per 4 anni e 6 mesi per Calogero Manta, collaboratore legato a Provenzano; 4 anni e 4 mesi per il docente universitario Roberto Di Maria; 2 anni e mezzo  per l’ex giudice della sezione misure di prevenzione del tribunale, Lorenzo Chiaramonte;  2 anni per l’amministratore giudiziario Walter Virga e, chiude il quadro, Emanuele Caramma, figlio di Silvana Saguto, con una proposta di pena a 6 mesi.

Di contro sono state proposte le assoluzioni nei confronti dell’amministratore giudiziario Gabriele Aulo Gigante e di Pietro Saguto, padre dell’ex magistrato che già il Csm ha radiato.

Questo il quadro che la procura nissena ha prospettato al termine di una requisitoria fiume andata avnati per nove udienze.

Sono sati tirati in ballo dai magistrati di Caltanissetta per rispondere delle ipotesi, a vario titolo, di associazione a delinquere, a corruzione, abuso d’ufficio, falso, truffa, induzione indebita a dare o a promettere utilità, peculato, riciclaggio, rivelazione e utilizzo dei segreti d’ufficio, favoreggiamento.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi