Home Cronaca Strauss APS: 46 giovani volontari alla scoperta della storica Magna Via Francigena

Strauss APS: 46 giovani volontari alla scoperta della storica Magna Via Francigena

223 views
0

Mussomeli – Un’ondata di solidarietà e cambiamento sta attraversando la storica Magna Via Francigena attraverso l’operato di Strauss APS, un’organizzazione non governativa di Mussomeli. Questo cammino, che si estende per circa 180 chilometri e collega Palermo con Agrigento, sta vivendo un momento di valore e condivisione grazie al progetto H3 – Health, Hiking, Heritage. In seno al programma del Corpo Europeo di Solidarietà e cofinanziato dall’Unione Europea, Strauss APS ha accolto 45 giovani volontari e volontarie provenienti da tutta Europa. Questi giovani, animati da uno spirito di altruismo e scoperta, stanno esplorando, preservando e celebrando la bellezza della Sicilia attraverso attività innovative e prospettive educative non formali legate alla salute, al sentierismo e al patrimonio culturale. Provenienti da oltre 15 paesi europei e con un’età compresa tra i 18 e i 30 anni, stanno intraprendendo azioni sociali significative lungo il percorso della Magna Via Francigena, intrecciando le loro storie con quelle delle comunità locali. Il progetto, iniziato il 19 maggio e in corso fino al 18 luglio, coinvolge attivamente oltre 20 comunità siciliane, portando un soffio di solidarietà e novità. “Il progetto  – spiegano gli organizzatori – è decollato con un Welcome Training a Montedoro (CL), seguito da una settimana di attività a Palermo, Prizzi e Milena, presso l’APS Sikanamente 2.0 e l’APS Il Circo Pace e Bene, organizzazioni locali ben radicate nei rispettivi territori e punti cardine delle attività progettuali.  Le testimonianze dei volontari e delle volontarie come Marina, che parlano con occhi brillanti di caffè offerti, passaggi in macchina e alloggi trovati grazie alla disponibilità degli abitanti, raccontano una Sicilia che accoglie con il cuore e fa sentire ogniospite come a casa propria. Tra le significative esperienze  durante il camminino, alcuni giovani si sono presi cura di un cane randagio ferito che, dopo essere stato curato e nutrito, ha trovato una nuova casa e una nuova
famiglia: due volontari provenienti dalla Cechia, Petr e Marie”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi