Home Cronaca Tangenti per appalto ad Acquaviva, scarcerato dirigente del Genio civile

Tangenti per appalto ad Acquaviva, scarcerato dirigente del Genio civile

789 views
0

Acquaviva Platani – Scarcerato il dirigente del Genio civile di Caltanissetta. Così ha deciso il Riesame nei confronti del sessantaquattrenne Vincenzo Caruso.

Da un paio di settimane, sull’onda di una indagine dei carabinieri, era ai domiciliari perché accusato di tentata concussione.

Adesso il tribunale ha accolto l’istanza dei suoi legali, gli avvocati Vincenzo Caponnetto e Walter Tesauro e ha revocato la misura cautelare, annullando parzialmente l’ordinanza emessa dal gip di Caltanissetta a fine maggio scorso.
Di contro, a carico del dirigente, è scattato un altro provvedimento che riguarda la sfera lavorativa, perché gli è stata applicata la sospensione dal servizio per un anno.
Secondo l’impianto accusatorio, il dirigente avrebbe preteso una mazzetta da un imprenditore che si era aggiudicato un appalto per il rifacimento di un tratto stradale ad Acquaviva.

Dapprima avrebbe chiesto al rappresentante legale della società di San Cataldo che si era aggiudicata l’appalto

oltre 68 mila euro, poi le sue pretese sarebbero scese a 15 mila euro.

Ma il destinatario di quelle richieste, piuttosto che piegarsi ha denunciato tutto ai carabinieri e sono partite le indagini poi culminate nel provvedimento cautelare che, adesso, è stato revocato. Per lo stesso tribunale, presumibilmente, non sussistono più le esigenza cautelari per mantenere gli arresti domiciliari a carico dello stesso Caruso

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 3 / 5. Vote count: 2

Vota per primo questo articolo

Condividi