Home Cronaca Travolse e uccise mamma e figlia, nuovo atto in Cassazione

Travolse e uccise mamma e figlia, nuovo atto in Cassazione

244 views
0

Caltanissetta – Ultimo atto in Cassazione per un giovane accusato di avere ucciso mamma e figlia in un incidente stradale per poi fuggire.  Dopo si è costituito alla caserma dei carabinieri di Gela.

A chiedere un nuovo processo è il ventiseienne gelese Salvatore Rinella giudicato colpevole, già in due gradi del giudizio, per la morte di Nuccia Vullo e la figlioletta, la piccola Ludovica che teneva in braccio e poi deceduta all’ospedale «Di Cristina» di Palermo.

L’imputato è stato già condannato a quattro anni e quattro mesi di carcere per duplice omicidio stradale e omissione di soccorso.

E in più, tra le pieghe del verdetto, è stato sancito il diritto a un risarcimento dei danni in favore dei familiari delle due vittime della strada.

Ora la difesa ha impugnato il verdetto d’appello per chiedere che sia la Corte di Cassazione a vagliare la questione.

Il tragico incidente si è verificato la sera del 28 agosto di quattro anni lungo via Venezia. Quando la Fiat Panda con alla guida Rinella ha travolto mamma e figlia.

Poi si è allontanato per costituirsi, dopo, alla caserma dei carabinieri. Secondo la tesi difensiva da lui sostenuta, non si sarebbe accorto che le due stavano attraversando la strada.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 5 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi