Home Pane e Vino Trippa e patate al sugo per salutare carnevale

Trippa e patate al sugo per salutare carnevale

1.047 views
0

Ricetta-Trippa-castello-Incantato-Saporapp

Oggi siamo nel pieno del Carnevale fino a mertedì grasso, apoteosi e fine della festa.   cosa significa questo giorno, cosa si mangia oggi e cosa di fa?

In tutta Italia, non esiste un menu be preciso, ma ciò che accomuna lo stivale è la preparazione di pietanze più prelibate “importanti” soprattutto sostanziose, in contrapposizione alla quaresima, dove più che nutrirsi di cibi pregiati e succulenti occorrerà nutrirsi del corpo di Cristo.

Diverse sono le pietanze succulente di Carnevale che istigano alla “scarpetta” finale, lasciando decadere il galateo.

Soffermandoci nel territorio limitrofe ritroviamo:

  • Ziti al ragù;
  • Maccheroni con salsiccia,
  • La salsiccia grossa a sugo con patate e cotica;
  • Trippa e patate a sugo;
  • Dolici fritti come le chiacchiere, le sfigi, pignolata.

Quest’ oggi, dedico il momento di gloria alla trippa a sugo con patate a sugo, che, contrariamente agli stereotipi, rappresenta un piatto magro e ricco di proteine, se consumata in bianco, nel caso del carnevale no.

Cos’è esattamente la trippa?

La trippa era uno degli alimenti più popolari della cucina italiana oggi, invece, è sempre più affermata sulle tavole di taverne e osterie d’eccellenza e stellate. Tagliata tradizionalmente in strisce, fa parte del gruppo delle frattaglie.

Difficilmente oggi si trova nella grande distribuzione ma potete comunque chiedere al piccolo macellaio di fiducia.

Come si prepara la trippa al sugo con patate a carnevale? Scopriamolo insieme.

Ricetta-Trippa-castello-Incantato-Saporapp
foto web

INGREDIENTI: 

  • 1 kg di trippa (meglio se varia)
  • 3 cucchiai Olio EVO
  • 1 coste di Sedano
  • vino bianco
  • passata di pomodoro
  • pepe nero q.b.
  • 1 cipolla
  • 4 patate
  • 1 carota
  • 1 foglia di alloro (se di gradimento)
  • Pane di grano duro per la “scarpetta finale”

UTENSILI- STRUMENTI: 

  • coltello
  • tagliere
  • pelapatate
  • padella fondo alto con coperchio.

PROCEDIMENTO:

Come primo step sciacqua in abbondate acqua la trippa e mettitela a scolare in uno scolapasta.

Taglia finemente il sedano, la carota e la cipolla e mettete il tutto in un tegame insieme all’ olio extra vergine di oliva.

Fai dorare leggermente il trito e unite poi la trippa tagliata a striscioline, facendola soffriggere per qualche secondo, sfuma con il vino bianco, sala e pepa.

Cuoci la trippa per 5 minuti e unisci la passata di pomodoro. Copri il tutto con un coperchio e lasciando cuocere a fuoco basso cuocere per un’ora.

A metà cottura aggiungi, le patate precedentemente pelate e tagliate a pezzettoni. Mescola di tanto in tanto e se la preparazione dovesse risultare troppo asciutta puoi aggiungere un pò di acqua.

Continua la cuocere fin quando le patate saranno cotte. Aggiusta di sale e pepe la trippa con le patate ed servi ben calda.

Puoi aggiungere anche una spolverata di pecorino o caciocavallo grattugiato, ed in fine spezzate il pane (di grano duro mi raccomando) e via con la scarpetta finale.

Ti è piaciuta la ricetta? Seguimi su :

Facebook 

Intagram

Saporapp 

Rubrica Pane e Vino di Castello Incantato 

Consiglio:

Dopo aver mangiato così bene evita la pennichella, quindi via a i festeggiamenti del Carnevale in piazza. In quasi tutte le piazze Siciliane, dai grandi centri ai piccoli paesi, ci sono sfilate allegoriche, balli tradizionali.

Ti consiglio di farti coinvolgere, sperando che sia una bella giornata, così da trascorrere un pomeriggio di allegria e spensieratezza, facilitandone la digestione.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi