Home Cronaca “Trobia Capro espiatorio prescelto dal DG Caltagirone e dall’On. Catania”. La...

“Trobia Capro espiatorio prescelto dal DG Caltagirone e dall’On. Catania”. La FPCGIL Caltanissetta difende a spada tratta il direttore del presidio mussomelese Trobia

1.175 views
0

Mussomeli – A seguito della sospensione del servizio di oculistica a Mussomeli, La Segreteria Provinciale FPCGIL Caltanissetta, per bocca del segretario Angelo Polizzi e della segretaria generale confederale Rosanna Moncada, difende a spada tratta il direttore sanitario del presidio mussomelese, Benedetto Trobia e attaccano duramento l’onorevole Giuseppe Catania, il direttore dell’Asp Alessandro Caltagirone  e Il management aziendale. Secondi i vertici della sigla sindacale La vicenda del CAL di oculistica di Mussomeli,  è un esempio  “dell’ingerenza della politica, che entra nel merito discelte gestionali, ad esclusivo appannaggio di medici specializzati con competenze e formazione specifica. Quando si sostiene che la politica deve stare lontano dalla sanità, per noi, – continuano – significa proprio questo: il politico deve fare buone leggi per gestire al meglio la sanità bene comune e non trasformarla in una sorta di terreno di conquista politica”. La FPCGIL censura poi “l’intervento del Direttore Generale che con una nota protocollata la domenica (a nostra memora episodio mai verificatosi) interviene, muovendo eccezioni e rimproveri al dr. Trobia, ed incassando un pubblico ringraziamento dell’on. Catania per il suo tempestivo intervento. Tutto questo a noi appare ‘assai sospetto’ per i tempi e i modi, soprattutto perché ci sembra che si voglia a tutti i costi trovare un capro espiatorio nella persona del dr. Trobia, che diventa la soluzione ideale per
mascherare ciò che noi denunciamo da anni relativamente all’organizzazione del lavoro assolutamente non all’altezza nell’ASP di Caltanissetta”. Poi l’attacco diretto al deputato mussomelese. “Il primo cittadino di Mussomeli invece di documentarsi, sulle tematiche in oggetto, e prendere atto del pericolo cui sinora l’Ospedale e i pazienti sono stati posti,
preferisce prendere parola chiedendo la rimozione immediata del dott. Trobia”. I sindacalisti stigmatizzano poi  “il tacito consenso di tutti coloro i quali, vertici e non, essendo a conoscenza delle irregolarità gravissime occorse fino all’atto della nota firmata dal Dr. Trobia, non hanno provveduto a sopperire alla mancanza di medici, così come previsto dalla normativa, permettendo ad un solo  medico specialista in oculistica di condurre tutto il percorso operatorio. Ci risulta peraltro che da diverso tempo il Direttore del Dipartimento Ospedaliero Dr. Fiorella avrebbe potuto sistemare il tutto, ma senza alcun risultato. Cos’altro poteva essere fatto – argomentano i segretari –  dal Dr. Trobia se non la sospensione temporanea dell’attività chirurgica nelle more dell’assunzione di ulteriori oculisti da parte della Direzione
Generale nonché di ulteriori eventuali provvedimenti da adottare dai superiori gerarchici dello stesso? Proprio per questo motivo, quanto dichiarato dall’On. Catania, che menziona il ruolo di Direttore di Presidio
attribuendolo al Dr. Trobia appare, oltre che chiaramente falso, assai scoraggiante in quanto ci permette di leggere tra le righe che il Sindaco Catania disconosce l’atto aziendale e la rete ospedaliera, ma che pure intende ‘giudicare’, stabilendo cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Specifichiamo che tutto ciò rientra nelle mansioni del Direttore della UOC Direzione Medica del Presidio Ospedaliero Sant’Elia, il quale tra l’altro non si è ancora espresso sulla questione. Il Sindaco si rivolge direttamente al Direttore Generale, l’organo tecnico- politico dell’Azienda e di cui potrebbe chiederne le dimissioni. Per Il Direttore Generale sembra impossibile reperire medici specialistici in oculistica e non solo, e sembra avere una propria strategia ben precisa laddove, ad esempio, si attende ancora la nomina, del Direttore della U.O.C. Neurochirurgia del Presidio Ospedaliero Sant’Elia di Caltanissetta. Ci auguriamo – continuano –  che non si tratti di un attacco diretto al Dr. Trobia, che ha sempre dimostrato grande senso di
abnegazione ricevendo anche riconoscimenti ufficiali per l’impegno profuso a garanzia del buon funzionamento del servizio sanitario nonostante le molteplici e complesse criticità determinate dalle ormai
croniche problematiche della Sanità in provincia. Riteniamo Piuttosto che un provvedimento andrebbe preso nei confronti di chi ad oggi è stato silente…
ponendo in secondo piano la sicurezza dei pazienti nel percorso terapeutico. Chiediamo – concludono – al Direttore della UOC Direzione Medica del Presidio di Caltanissetta di esprimersi in merito alla questione e di trovare una rapida, efficace ed efficiente soluzione al problema del CAL di Oculistica di Mussomeli; chiediamo altresì al Direttore della UOC Direzione Medica del Presidio di Gela, tenendo conto
che similari problematiche, risultano in atto esistenti anche presso il Presidio Ospedaliero Suor Cecilia Basarocco di Niscemi di provvedere, per quanto di competenza alla risoluzione della suddetta problematica.
La nostra oggi vuole essere la difesa di un lavoratore che suo malgrado sta subendo la grave criticità della condizione della sanità in provincia e che non può pagare le responsabilità e le colpe di chi non riesce a gestire e a fronteggiare le croniche criticità dell’Azienda Ospedaliera”.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Condividi