Home Cronaca Vallelunga, arrestato «compagno violento»

Vallelunga, arrestato «compagno violento»

4.410 views
0
IMMAGINE D’ARCHIVIO

Vallelunga Pratameno – Arrestato, con il beneficio dei domiciliari, un «compagno violento» a Vallelunga. A suo carico è scattata la misura cautelare emessa dal gip ed eseguita dai carabinieri.

È un quarantaduenne, G.N., che adesso si è ritrovato sul capo le accuse di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali in danno della propria compagna.

E la situazione andrebbe avanti, senza soluzione di continuità, da almeno un paio di anni. Questa è la ricostruzione dell’accusa.

La misura disposta adesso ha affondato le radici in un intervento eseguito dai carabinieri nel settembre dello scorso anno, dopo che sono stati messi in allerta dall’ufficio socio-assistenzale del comune.

Da qui l’indagine che ha consentito ai militari di tracciare un quadro vessatorio ai danni della donna. In una circostanza i carabinieri sono intervenuti e lei è stata accompagnata in ospedale, al pronto soccorso dell’«Immacolata Longo di Mussomeli,  dove le sono stati riscontrati ematomi e ed escoriazioni giudicate guaribili in cinque giorni.

In quel frangente non ha presentato querela nei confronti dle compagno ma, tuttavia, ha accettato di trasferirsi in una casa protetta, segreta,  per donne vittime di violenza.

Ad accelerare i tempi dell’arresto è stata un’altra aggressione che avrebbe subito la donna nel gennaio scorso, quando lei aveva da poco deciso di perdonarlo  ed era rientrata in casa, convinta a lasciare la comunità protetta.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 0 / 5. Vote count: 0

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi