Home Pane e Vino Graffe

Graffe

332 views
0

Graffe-ciambelle-fritte

Ciao  tutti, e ben ritrovati nella rubrica pane e vino di castello incantato. Oggi vi racconto delle “Graffe“, come prepararle e come renderle asciutte e soffici anche senza patate. Questa preparazione la trovo perfetta poiché le graffe non si ungono di olio e rimangono molto asciutte e soffici.

Cosa sono esattamente le Graffe? 

Le graffe sono delle sofficissime ciambelle fritte dolci, tipiche della cucina napoletana. Potete trovare la graffe ad ogni angolo di Napoli e in ogni periodo dell’anno, sebbene rimangano un tipico dolce di Carnevale.

INGREDIENTI

  • 250 ml di latte
  • 100g di zucchero
  • 1 scorza di limone grattugiata
  • 1 uovo
  • 550g di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 80g di olio di girasole
  • olio per frittura
  • zucchero semolato per la copertura

UTENSILI- STRUMENTI

  • contenitore per l’impasto
  • frusta da cucina
  • mattarello
  • pentola dai bordi abbastanza alti
  • setaccio per la farina ed il lievito
  • spianatoia
  • 2 formine rotonde di dimensioni diverse se non li hai a disposizione vanno bene, ad esempio, un bicchiere e un beccuccio per la sac a poche.

PROCEDIMENTO

Nel contenitore che hai scelto per contenere l’impasto, versa il latte, lo zucchero, l’uovo, la scorsa grattugiata del limone, olio ed mescola energicamente per bene con la frutta da cucina. Incorpora, poco per volta, la farina precedentemente setacciata e continua a mescolare con la frusta. Aggiungi il lievito setacciato, così che non si formino piccoli grumi e continua la lavorazione fino ad ottenere un composto liscio ed elastico.

Sulla spianatoia, spolvera un pò di farina e con l’aiuto del mattarello inizia a spianare l’impasto, fino ad ottenere una base spassa mezzo centimetro.

Con la formina più grande (o il bicchiere) inizia a ricavare dei dischi. Fora il centro dei dischi con la formina più piccola per ottenere la tipica forma a a ciambella delle graffe.

Ottenute le forme, versa l’olio per friggere, nella pentola a sponde alte e metti sul fioco. Nel momento in cui l’olio sarà ben caldo inizia a friggere le graffe. Non appena saranno dorate adagiale brevemente sulla carta assorbente e successivamente immergile nello zucchero semolato.

Ti è piaciuta la ricetta? Seguimi su :

Facebook 

Instagram

Saporapp 

Rubrica Pane e Vino di Castello Incantato

Consiglio: 

Per un tocco più “siculo” puoi creare un mix scorzette grattugiate finemente ta 1 limone 1 arancia e 1 mandarino da aggiungere all’impasto e rendere più profumate le tue graffe.

 

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Consentici di continuare a garantire il diritto di sapere quello che gli altri non ti dicono. Sostienici!

Con bonifico bancario, anche online, intestato ad:  Associazione “Castello Incantato”  CODICE IBAN IT68T0897583380000000011400 (Bcc “San Giuseppe Mussomeli" - causale: donazione liberale per castelloincantato.it).

CON PAYPAL O CARTA (clicca sotto)

Condividi