Home Le Nostre Rubriche Web e Tech Poker e Cultura del Gioco: similitudini e differenze con i giochi di...

Poker e Cultura del Gioco: similitudini e differenze con i giochi di strategia più famosi

281 views
0
Playing poker in a casino holding winning royal flush hand of cards concept for gambling, betting and winning

Poker e Cultura del Gioco: similitudini e differenze con i giochi di strategia più famosi

Il mondo del gioco da sempre attira miliardi di appassionati di tutte le età, perché riesce a mettere d’accordo davvero tutti grazie a una grande diversificazione dei prodotti. Esistono giochi di strategia che insegnano ad allenare la mente anche in tenera età, fino a giochi più strutturati e iconici come Risiko, che ha fatto trascorrere serate memorabili a generazioni di giocatori.

Nella cultura del gioco, certamente fa la sua parte il poker, che ha fatto un po’ la storia del gioco da tavolo appassionando in tutto il mondo giocatori esperti e non. Divenuto popolare intorno all’Ottocento in America nelle sale da gioco dei battelli che navigavano il Mississippi, la sua fama si è ben presto estesa anche in Europa, diventando uno dei giochi più apprezzati, specialmente dentro le eleganti e lussuose sale dei casinò.

Il poker ha affascinato per secoli, e continua a farlo, essendo di ispirazione anche nel mondo dello spettacolo, delle arti visive e della letteratura. Moltissimi sceneggiatori e scrittori hanno raccontato storie avvincenti attorno al tavolo verde, spesso sfruttando a vantaggio della narrazione la tipica altalena di emozioni e adrenalina che il poker suscita nei giocatori.

 Il Poker: l’evoluzione degli ultimi anni di un intramontabile gioco di strategia

Negli ultimi decenni, il poker ha conosciuto un nuovo periodo di splendore. Sì, perché sebbene fosse un gioco molto apprezzato, ha per lungo tempo subito l’etichetta di un gioco “pericoloso”, spesso associato ad affari loschi – complici anche molte pellicole che hanno rappresentato la tipica giocata attorno al tavolo verde lo scenario perfetto in cui malavitosi si riunivano per giocare
clandestinamente. È stato soprattutto quando le reti televisive hanno iniziato a trasmettere le WSOP che anche chi era estraneo al gioco, ha potuto notare invece come il poker fosse in realtà un gioco di strategia al pari degli scacchi, ad esempio, e che non serve solo fortuna, ma calcolo, freddezza, intuizione e soprattutto tanto allenamento. Con l’avvento di internet, inoltre, molti si sono avvicinati e appassionati al poker, sdoganando l’etichetta di gioco “losco” e beneficiando soprattutto della possibilità di giocarvi come all’interno di
un vero casinò. Negli anni infatti sono nate sul web numerose piattaforme che propongono i giochi più apprezzati all’interno delle case da gioco. Il poker ovviamente non può mancare e anzi, viene riproposto in tutte le sue varianti in modo da accontentare davvero tutti e rendere le sessioni di gioco molto dinamiche e stimolanti. In un mondo quindi sempre più orientato all’online, il divertimento attorno al tavolo verde è assicurato, perché è possibile sfidarsi con giocatori provenienti da tutto il mondo rimanendo comodamente a casa propria. Chiaramente, mentre si naviga in queste piattaforme, bisogna far attenzione alla sicurezza, che è fondamentale per giocare in serenità salvaguardando i propri dati. A tale proposito, tra i siti di giochi virtuali spicca uno in particolare, leader in Italia per la sua sicurezza, è anche tra i più completi in termini di varianti di giochi disponibili e bonus pensati per il giocatore. Chi vi si approccia per la prima volta. può trovare un florido terreno di gioco; mentre i più esperti possono testare le loro abilità tra tornei adrenalinici. Tale operatore offre la possibilità di giocare in free play, per divertirsi senza rischi, oltre a mettere a disposizione utili articoli e guide per conoscere tutte le regole e i segreti del gioco. Tra le sue offerte più richieste, sono presenti tornei di Texas Holdem e Omaha Poker, partite di Poker Blast e Snap Poker, così come quelle del poker classico, sempre molto richiesto.

Poker e giochi di strategia: somiglianze e insegnamenti

 

Al pari di altri giochi di strategia, come gli scacchi o i classici giochi da tavolo, il poker può offrire lezioni da imparare applicabili a ogni contesto della vita reale. Certamente vi sono delle differenze, specie nelle regole, ma è opportuno sottolineare invece come ci siano molte somiglianze, ad esempio tra poker e scacchi.

Entrambi sono giochi individuali

Scacchi e poker prevedono degli avversari da battere a suon di strategie. Nel poker, così come nella partita a scacchi, il giocatore deve approfittare degli errori dell’avversario per volgere il gioco a suo favore, ma non solo. Deve poter infatti anche prevedere le mosse dell’altro in modo da evitare a sua volta errori banali e trovare la strategia giusta che lo porterà alla vittoria.

Così come in una partita a scacchi si devono prendere decisioni strategiche (come l’Arrocco, l’apertura ecc.), allo stesso tempo a poker bisogna capire quali sono le mani in cui ci si dovrà difendere e cercare di minimizzare le perdite e in quali invece si potrà approfittare per massimizzare il piatto.

Sia le mani che i singoli pezzi hanno valore

Una delle prime cose che bisogna fare quando si impara a giocare a poker è capire quanto valgono le singole mani. Allo stesso modo, è utile sapere il valore dei pezzi degli scacchi, anche se in realtà lo scopo del gioco non è il punteggio, bensì dare scacco al re. Tuttavia, conoscere il valore dei pezzi permette di elaborare una strategia più ponderata, specialmente quando si è di fronte a decisioni difficili.

 La posizione è importante

Negli scacchi, cercare di occupare la zona centrale della scacchiera è molto importante per l’esito della partita. Allo stesso modo, il proprio posizionamento nell’ordine di gioco nel poker è fondamentale perché ad esempio chi è ultimo a parlare ha un grande vantaggio: quello di avere più informazioni rispetto agli avversari che lo hanno preceduto.

 Entrambi usano il bluff

Nel poker il bluff è una delle tattiche più usate, ma bisogna capire bene quale è il momento più propizio per usarla e non farsi scoprire. Anche negli scacchi ci sono mosse intermedie molto simile al bluff che consistono nel creare dei diversivi per attirare l’attenzione dell’avversario e fargli credere che si ha in mente un gioco. A sorpresa, si piazza una mossa che apre altre possibilità: l’avversario che non si rende conto di questo bluff avrà molte meno probabilità di vincere.

Gli scacchi sono un gioco che regge bene il paragone con il poker un po’ per la grande popolarità, un po’ anche per il fatto che viene considerato come il gioco di strategia per eccellenza. Eppure, il poker ha analogie anche con giochi da tavolo avvincenti come I Coloni di Catan, dove conta sia l’abilità strategica che la fortuna con i dadi. L’elemento fortuna in particolare è una forte analogia, perché sebbene il poker sia un gioco di tattica, è anche vero che la fortuna gioca un ruolo importante e sta nell’abilità del giocatore condurre il gioco e non farsi trasportare dalle carte che scorrono tra le dita.

H2. Gli insegnamenti dei giochi di strategia

Ciò che accomuna tutti però, sono gli insegnamenti che offrono al giocatore e che possono essere applicati in qualsiasi ambito della vita quotidiana. Qualche esempio? Giochi da tavolo come I Coloni di Catan, Monopoli, Hotel e altri insegnano bene come un investimento sbagliato possa avere conseguenze molto gravi e l’importanza di gestire i propri beni in maniera tale da farli fruttare. Tali lezioni, possono essere messe in pratica nel mercato immobiliare.

Il poker dal canto suo non è da meno: anch’esso insegna in maniera molto schietta, talvolta brutale, come amministrare al meglio il proprio patrimonio e come gestire il rischio e le emozioni. Mantenere la calma e la concentrazione, infatti, è una delle prerogative di una sessione vincente di poker e di certo una simile capacità può essere utile in tantissime situazioni al di fuori del gioco.

Conclusioni

Sebbene il poker sia un gioco individuale, non fa perdere mai di vista il concetto che comunque si gioca in tanti: gli avversari vanno osservati e bisogna imparare a “leggerli” dalle loro mosse e puntate. Sviluppare un’abilità simile è sicuramente utile in molte situazioni interpersonali, sia al lavoro che nella vita privata.

Insomma, il poker per la sua complessità e dinamicità è uno dei giochi più iconici di sempre e per le sue caratteristiche e analogie con altri intramontabili giochi di strategia, funge da vero e proprio ponte che unisce diverse culture di gioco.

Ti è piaciuto questo post?

Clicca sulle stelline per dare un voto!

Average rating 1 / 5. Vote count: 1

Vota per primo questo articolo

Condividi